News

Presentazione dell’opera di Moataz Mohamed Nasr Eldin

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2017, sabato 23 e domenica 24 settembre, la Galleria del Premio Suzzara propone l’allestimento di una saletta dedicata all’artista Moataz Mohamed Nasr Eldin. 

L’artista egiziano, nato ad Alessandria nel 1961, fu premiato nel 2002 alla quarantaduesima edizione del Premio Suzzara: “Città e campagna. Frontiere 2002”, curato da M.Corgnati, E.Mascelloni, J.Lenssen e M.Pozzati. 
Le opere presentate  furono un video a titolo “The water” e cinque stampe a titolo “My passport”. 
Artista autodidatta, Moataz Nasr  irrompe sulla scena artistica internazionale nel 2001 vincendo il Grand Prize all’ 8° Biennale del Cairo. Da allora ha partecipato ai grandi raduni internazionali di arte contemporanea come Venezia, Seoul, San Paolo e Bogotà ed ha esposto le sue opere sui maggiori palcoscenici d’arte contemporanea. La ricerca di Moataz Nasr caratterizzata da un evidente impegno sociale, parte da un forte interesse per la cultura araba e islamica  per uscire dai confini: affrontando i problemi del nostro tempo diventa di interesse planetario. Già nel 2002 con le opere “The water” e “My passport” balza in primo piano il  problema dell’identità:, rivelata e negata. Oggi si manifesta quotidianamente nella questione dei profughi. L’artista si interroga sull’agire umano, le cui violenze ed orrori si ripetono ciclicamente in tutti i tempi ed in tutti i luoghi.Tale indirizzo viene ribadito con la video installazione “The mountain” visibile alla 57 edizione della Biennale di Venezia in corso, dove Nasr rappresenta l’Egitto. 

Il museo è orgoglioso di avere acquisito nella propria collezione opere di un autore, oggi noto a livello internazionale e di riproporle al pubblico come documento e tassello di una storia e di un patrimonio che iniziarono a formarsi nel 1948 con la prima edizione del Premio Suzzara.